Il cliente non ha piú ragione

Ogni volta che mi imbatto in un’offerta speciale dedicata ai nuovi clienti (tariffe agevolate, interessi maggiorati) mi domando: ma per quale motivo tutti sembrano darsi un gran da fare nell’accaparrarsi della nuova clientela, trascurando quasi totalmente i clienti giá acquisiti? Io sono una cliente storica per definizione: ho ancora l’abbonamento con il mio primo gestore telefonico – sia fisso che … Continua a leggere

Il consumo a comando

Qualche dubbio mi era venuto ma non mi sono espressa, se non all’interno di una ristretta di amici e conoscenti. Mi riferiso all’invito a consumare, in questo Natale di dure contingenze economiche, come sempre, come se tutto andasse per il meglio, come se niente e nessuno avesse messo in discussione la mia capacitá di acquisto. Parlo di me, perché sono … Continua a leggere

L’era del multitasking

Mentre si beve il té, una persona dovrebbe solo bere il té, dice il maestro Zen. Solo che al giorno d’oggi nel frattempo si viene interrotti da aggeggi che emettono ogni sorta di suono elettronico. Leggendo What Was That You Said? (New York Times, 3 novembre) viene in mente la famosa collega work-addicted: “Scriviamo e-mail mentre mangiamo, telefoniamo mente guidiamo, … Continua a leggere

I libri di Azar Nafisi

Leggere Lolita a Teheran  mette una gran voglia di ripercorrere i libri citati da Nafisi, oltre che di conoscere meglio la societá iraniana. Anche se alcuni li ho giá letti in passato, mi ci vorrá del tempo… – Gli anni fulgenti di Miss Brodie, Muriel Spark – Invito a una decapitazione, Vladimir Nabokov – Orgoglio e pregiudizio, Jane Austen – Madame … Continua a leggere

Strategie di marketing

Gentile Dott. Augias, non so se lei abbia avuto modo di imbattersi in due libri ampiamente promossi in questo periodo. Mi riferisco a “La separazione del maschio” di Francesco Piccolo e “La prova del miele” di Al-Neimi Salwa, le cui copertine sono comparse anche sulla prima pagina de La Repubblica. Sono copertine che non passano inosservate, avendo in comune il … Continua a leggere

Il declino dell’impero

“Gli Stati Uniti stanni diventando un problema per il mondo. Eravamo abituati a considerarli piusttosto, una soluzione. Garanti della libertá politica e dell’ordine economico per mezzo secolo, appaiono sempre piú come un elemento di disturbo della scena internazionale alimentando dove possono l’incertezza e i conflitti”. Con queste parole si apre la premessa di Dopo l’impero. La dissoluzione del sistema americano, … Continua a leggere

Mi conviene trasferirmi a Porto Rico?

In questo periodo di crisi gli indovini vanno di gran moda. A New York, come é facile intuire, fanno gli straordinari. Il NYT dedica loro un articolo (Money Worries? See a Psychic) dal quale emerge che i tradizionali quesiti sulla vita sentimentale (It used to be always love, love, love) oggi sono sostituiti da domande esplicite sulla situazione economica (Now … Continua a leggere

Il mio scaffale

Oggi ho terminato di racogliere i miei libri su aNobii, dopo aver abbandonato LibraryThing e tenuto la biblioteca personale di Google di scorta. Finalmente il mio sforzo di tenere traccia del libri letti negli ultimi sei anni ha un senso. Per caso, inserendo i libri, ho persino scoperto che uno di quelli presi in prestito l’ultima volta, l’avevo giá letto … Continua a leggere

Il rischio della complessitá

Semplificare semplifica la vita. “É molto piú semplice pensare che il mondo sia semplice” scrive Michele Serra (La Repubblica, 24 settembre 2008) “non fosse che per una circostanza incresciosa per tutti: che non lo é”. Il mondo é complesso, solo che é di gran lunga piú comodo credere e far credere che non lo sia, che si possa sopravvivere con … Continua a leggere